MENU

Stai leggendo:

Rainbow: colori e meraviglie tra miti, arti e scienza

2 min

MILANO, DAL 17 FEBBRAIO AL 2 LUGLIO 2023

Rainbow: colori e meraviglie tra miti, arti e scienza

Prende forma un progetto dal taglio interdisciplinare, realizzato in collaborazione con l’Ufficio Arte Pubblica, il Museo di Storia Naturale di Milano e il Planetario di Milano. Un ricco calendario di eventi e iniziative legato al tema dell’arcobaleno. Cuore del progetto è la mostra al Museo delle Culture

Johann Jakob Scheuchzer, Physica sacra… tavola LXVI, Iridis 1731 – Milano, Biblioteca del Museo di Storia Naturale

Prende forma un progetto dal taglio interdisciplinare, realizzato in collaborazione con l’Ufficio Arte Pubblica, il Museo di Storia Naturale di Milano e il Planetario di Milano. Un ricco calendario di eventi e iniziative legato al tema dell’arcobaleno. Cuore del progetto è questa mostra al Museo delle Culture

 All’interno della rinnovata visione del Museo delle Culture – sempre più incentrata su tematiche antropologiche e sulla narrazione di visioni d’arte grazie ai linguaggi del contemporaneo – prende forma un progetto dal taglio interdisciplinare, realizzato in collaborazione con l’Ufficio Arte Pubblica, il Museo di Storia Naturale di Milano e il Planetario di Milano. Il ricco calendario di eventi e iniziative sarà legato al tema dell’arcobaleno, fenomeno naturale ma anche simbolo archetipico, i cui mille significati sono stati indagati nei secoli dal genere umano.

Cuore del progetto è la mostra “Rainbow: colori e meraviglie tra miti, arti e scienza” presso la sede del Museo delle Culture curata da Katya Inozemtseva.

Aperta al pubblico dal 17 febbraio al 2 luglio 2023, la mostra si sviluppa negli spazi al primo piano del Mudec: dopo un’immersione completa tra i colori dell’arcobaleno grazie un’installazione site specific a cura dell’artista Cory Arcangel negli spazi della “nuvola”, l’esposizione prosegue nelle Sale Focus, secondo un allestimento essenziale di Studio Grace.

I pezzi esposti, provenienti dalle collezioni del museo così come frutto di prestiti anche internazionali, consentono al visitatore di esplorare i molteplici significati dell’arcobaleno, di conoscerne origine e riflessi nella cultura contemporanea. Espressione di linguaggi differenti dall’antropologia alla biologia, dall’arte alla scienza, gli oggetti illustrano miti antichi e nuovi valori dell’iride tra antico e contemporaneo, dentro e fuori dal Museo, anche grazie all’Arte Pubblica.

Il progetto si ispira alla storica mostra The Rainbow Show, allestita nel 1975 al De Young Museum di San Francisco. L’esposizione californiana era nata dal pensiero dell’attivista afroamericana Angela Davis e in particolare dal concetto di Rainbow Nation, quale ideale di integrazione razziale, rappresentato in mostra da Peace the way home (1978-2022), un grande quilt, ovvero una trapunta cucita a mano, celebrativa della cultura afroamericana, opera dell’attrice e attivista Val Gray Ward.

 

Franco Summa (Pescara 1938 – 2020), Sentirsi un Arcobaleno Addosso

I MILLE COLORI E SIGNIFICATI DELL’ARCOBALENO IN MOSTRA

L’installazione immersiva Arcobaleno di Laura Grisi del 1968 ci accoglie nelle Sale Focus, avvolgendo chi entra nella luce di uno spettro artificiale.

La successiva sezione “scienza e natura” pone al centro gli elementi prismatici, che ritroviamo sia tra gli strumenti ottici antichi del XIX secolo sia nell’imponente opera Tropo (2022) dell’artista contemporanea Amalia del Ponte, prodotta ad hoc per questa mostra.

La tradizione giudaico-cristiana, dove l’arcobaleno è segno dell’alleanza con Dio, come nel Sacrificio di Noè dopo il diluvio di Sinibaldo Scorza, proveniente dai Musei Civici di Genova, ci introduce alla sezione “miti e leggende”. Di diverso sapore è la raffigurazione dell’arcobaleno nel Codex Florentinus del 1577 (Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana), del frate francescano Bernardino da Sahagun, opera enciclopedica sulla cultura indigena americana.

Arriviamo poi alle terre dell’Asia, Australia e Sud America con i reperti legati al tema globale del serpente arcobaleno, mentre i colori dell’iride tingono la rete funebre di cultura nasca del Perù (dalle collezioni del Mudec) e ricorrono nell’opera di Miroslaw Balka.

Sinibaldo Scorza (1589-1631). Il sacrificio di Noè dopo il diluvio
Primo quarto del XVII secolo olio su tela, 76 x 101 cm. Genova, Musei di Strada Nuova – Palazzo Rosso © Musei di Strada Nuova

Teaser “Rainbow”

L’arte del Novecento indaga l’origine del colore e degli elementi fenomenici attraverso la creazione di un equilibrio compositivo e formale a partire dalle opere di artisti modernisti storici e contemporanei: troviamo le opere di Giacomo Balla (in mostra Compenetrazione iridescente n. 7, del 1912), Joseph Albers, Frank Stella e Shusaku Arakawa in dialogo con un volume ottocentesco di Michel Lévy (dalla Biblioteca del Museo di Storia Naturale).

La magia dell’arcobaleno, inteso dunque non come fenomeno naturale ma come spazio immaginario, viene evocata attraverso le foto delle performance della pioniera del femminismo in arte Judy Chicago, dal video di Diana Thater (Surface Effect, 1997) e dal modello originale dello Spectral Passage, il gigantesco arcobaleno percorribile che l’artista lituana Aleksandra Kasuba realizzò nel 1975 per il Rainbow Show al De Young Museum.

Abito maschile con motivi di draghiCina, Dinastia Qing (1644-1922) XIX secolo tessuto di seta operata e ricamata con filo d’oro e policromo su fondo nero, 75 x 115 cm. Milano, MUDEC.

Non manca infine un focus sul mondo animale grazie alla collaborazione dei conservatori della sezione di Zoologia del Museo di Storia Naturale con esemplari preparati dal tassidermista Ermano Bianchi: partendo dai toni sgargianti delle livree che consentono spesso adattamento all’ambiente e conservazione della specie, questa sezione ipotizza la percezione animale dei colori del mondo. L’esperienza in vr è accompagnata dall’opera video Spiders of Paradise (2018-) dell’artista colombiana australiana Maria Fernanda Cardoso, quasi a creare un ponte tattile tra il mondo fisico, naturale e immaginario.

Scheda

 Titolo: Rainbow: colori e meraviglie tra miti, arti e scienza

 Dove: Mudec – Museo delle Culture, via Tortona, 56

 Quando: dal 17 febbraio al 2 luglio 2023

Apertura: Orari: Lunedì 14.30 – 19.30, Mart – merc – ven– dom 9.30 – 19.30, Giov – sab 9.30 – 22.30

 Info: tel. 0254917, info@mudec.it www.mudec.it; museodistorianaturalemilano.it

 

Potrebbe interessarti anche

Collezionismo

Tatuaggio

Da gesto pratico a segno di appartenenza, il tatuaggio racconta una storia di simbiosi tra uomo e simbolo, lunga cinquemila anni.  Il Mudec ripercorre in

Leggi Tutto »

Oppure registrati qui per usufruire della prova gratuita di 7 giorni

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana le news del mercato dell’arte e del collezionismo, per essere informato su modifiche, cancellazioni o proroghe nelle date di mostre e appuntamenti, e per conoscere in anteprima le date dei vernissage.

©Realizzato da PS COMPANY srl

Sei interessato a conoscere gli eventi legati al mondo del collezionismo in Italia come mercatini, mostre-mercato, mostre d’arte e aste?
Abbonati per ottenere l’accesso a tutti i contenuti del sito.