MENU

Stai leggendo:

“Il linguaggio delle immagini. Fotografia in Italia tra gli anni 80 e 90”

2 min

SOLIERA – MO, FINO AL 7 GENNAIO 2024

“Il linguaggio delle immagini. Fotografia in Italia tra gli anni 80 e 90”

La fotografia italiana tra gli anni ‘80 e ‘90. Oltre 60 opere al Castello Campori di Soliera. Luigi Ghirri. Marina Ballo Charmet, Franco Vaccari, Paola di Bello, Olivo Barbieri e Guido Guidi, Gabriele Basilico, Alessandra Spranzi, Mario Cresci, Silvio Wolf sono solo alcuni degli artisti in mostra

LUIGI ONTANI, Cleopatria 1998, 120 cm diametro, Fotografia a colori su carta © Luigi Ontani, Courtesy Emilio Mazzoli, Modena, ph Rolando Paolo Guerzoni

La fotografia è un mezzo profondamente influenzato dallo sviluppo tecnologico. Il periodo tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio dei Novanta ha impresso una forte accelerazione da un punto di vista tecnico, prima con la diffusione di computer e internet e poi del supporto digitale. Ma sono anche anni durante i quali ci si è dovuti confrontare da un lato con l’eredità culturale di Luigi Ghirri – scomparso nel 1992 – e dall’altro con esperienze di pratica e di ricerca oltre confine, iniziate già dalla fine degli anni Ottanta.

A questo periodo e agli artisti più significativi è dedicata la mostra “Il linguaggio delle immagini. Fotografia in Italia tra gli anni ‘80 e ‘90” a cura di Marcella Manni e promossa dal Comune di Soliera e dalla Fondazione Campori, impegnata ad indagare le forme espressive della contemporaneità. L’esposizione, allestita presso il Castello Campori di Soliera (MO), è visitabile gratuitamente da sabato 7 ottobre 2023 a domenica 7 gennaio 2024.

 

OCCHIOMAGICO, La camera chiara di Narciso 1981, Stampa vintage Cibachrome, 30 x 40 cm ©Occhiomagico, Courtesy Collezione Ettore Molinario

PIERO GEMELLI, The Eye 1990, Polaroid, 21 x 27 cm ©Piero Gemelli, Courtesy Collezione Ettore Molinario

Sperimentazione, individuazione di un linguaggio personale, militanza politica e attivismo: la ricerca artistica di quegli anni conserva la spinta, mai esaurita, delle esperienze concettuali e anticipa, impiegando le evoluzioni tecnologiche, molta della ricerca attuale, soprattutto sul piano teorico. Figura umana e paesaggio restano i soggetti della rappresentazione, la nozione di oggettività lascia ora spazio a quello dell’esperienza e della distanza verso l’uso descrittivo della fotografia, per un impiego funzionale e non meramente esibito di competenze tecniche. Ogni artista interpreta in modo coerente e personale la ricerca: l’accostamento delle opere in mostra – libero da un criterio cronologico – consente di leggere questo passaggio da diversi punti di vista.

Paolo Gioli ha impiegato la personale tecnica di trasposizione della polaroid su carta per concentrare lo sguardo su frammenti di corpi, in una citazione della scultura classica. Luigi Ontani gioca con riferimenti visivi, culturali, storici e mitologici, protagonista eclettico e mai risolto di autoritratti raffinati e ironici. I lavori di Guido Guidi, Vittore Fossati, Gabriele Basilico, Vincenzo Castella sono frutto del lungo progetto di committenza Archivio dello Spazio, fondamentale campagna di mappatura e documentazione del territorio della provincia di Milano tra il 1987 e il 1997. Il colore domina la selezione di Illuminazioni artificiali di Olivo Barbieri, monumentalità e architettura urbana tra Oriente e Occidente, e Andrea Abati compie una personale sperimentazione del paesaggio urbano, tra passato, presente e futuro con la serie Luoghi del mutamento.

Silvio Wolf allestisce site-specific per le sale del Castello Campori il lavoro Muro d’Icone, Marina Ballo Charmet esplora e testa con Bretagna rappresentazione della luce e del paesaggio attraverso sequenze di minimi scostamenti. Gli interni domestici di Alessandra Spranzi sono solo apparentemente abitati da volti sereni e atmosfere armoniose, Paola De Pietri ricerca la propria identità in autoritratti privi di referenti.

Appropriazione e citazione: Mario Cresci omaggia artisti, più o meno esplicitamente, tramite un processo di riscrittura e manipolazione; il fondamentale lavoro di Franco Vaccari è testimoniato in mostra con Modena vista a livello di cane, sintesi di rigore formale, libertà e disincanto nell’uso della macchina fotografica.

Le opere in mostra provengono da importanti collezioni, tra cui il Museo di Fotografia di Cinisello Balsamo e la Fototeca della Biblioteca Panizzi, di Reggio Emilia, oltre a gallerie e collezioni private, così da ricercare approcci e una tendenza del collezionismo come forma non solo di conservazione, ma anche di divulgazione dell’arte contemporanea. Analizzare quali autori e quali opere si rintracciano nelle collezioni pubbliche e private contribuisce a fornire una lettura storica trasversale delle esperienze, spesso di singoli e non di scuola, delle linee di ricerca e interesse degli autori.

“Questo progetto di mostra esplora “Il linguaggio delle immagini” con riferimento a un arco temporale preciso – spiega la curatrice Marcella Manni – e si pone l’obiettivo, certo non esaustivo quanto di prelievo, quasi di ‘carotaggio’, di raccogliere, presentare e mettere a confronto opere e autori che in quegli anni hanno affrontato con la loro ricerca, le sfide dell’avanzamento tecnologico e allo stesso tempo affinato e precisato un proprio linguaggio, estetico e formale”.

Andrea Abati, I Luoghi del Mutamento, Prato, via Bettino 1991, stampa Lambda su carta tipo C da negativo analogico, cm 60×75 forex, passpartout, cornice e vetro cm. 103×103 © Andrea Abati, Courtesy Dryphoto arte contemporanea

SCHEDA

Titolo: “Il linguaggio delle immagini. Fotografia in Italia tra gli anni 80 e 90”

Quando: dal 7 ottobre 2023 al 7 gennaio 2024

Dove: a Soliera, presso il Castello Campori

Orari: sabato e domenica dalle 9.30-13 e 15-19.30; 8 dicembre 9.30-13 e 15 alle 19.30; 24 dicembre, 31 dicembre 9.30- 13

Ingresso: gratuito

Info: tel. O59/568580, info@fondazionecampori.it – www.fondazionecampori.it

 

Gabriele Basilico, Cassano d’Adda. Diga 1987 40 x 50 cm, Gelatina bromuro d’argento carta © Gabriele Basilico/Archivio Gabriele Basilico – Città metropolitana di Milano / Museo di Fotografia Contemporanea, Milano-Cinisello Balsamo

Potrebbe interessarti anche

Collezionismo

Tatuaggio

Da gesto pratico a segno di appartenenza, il tatuaggio racconta una storia di simbiosi tra uomo e simbolo, lunga cinquemila anni.  Il Mudec ripercorre in

Leggi Tutto »

Oppure registrati qui per usufruire della prova gratuita di 7 giorni

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana le news del mercato dell’arte e del collezionismo, per essere informato su modifiche, cancellazioni o proroghe nelle date di mostre e appuntamenti, e per conoscere in anteprima le date dei vernissage.

©Realizzato da PS COMPANY srl

Sei interessato a conoscere gli eventi legati al mondo del collezionismo in Italia come mercatini, mostre-mercato, mostre d’arte e aste?
Abbonati per ottenere l’accesso a tutti i contenuti del sito.