MENU

Stai leggendo:

Record mondiale per un gesso di Canova

1 min

CASA D'ASTE BONINO

Record mondiale per un gesso di Canova

Record assoluto nell’asta officiata da Bonino per Veneto Banca, “Da Canova a Manet”, che si è conclusa il 26 gennaio con l’aggiudicazione del raro gesso di invenzione di Antonio Canova, vincolato dallo Stato per la sua eccezionale importanza culturale, a € 1.228.500, una cifra 6 volte superiore alla base d’asta

Aggiudicata per 1.228.500 euro a fronte di una base d’asta di 200.000 euro, e di una stima di 200.000-300.000 euro la più importante scultura di Canova in asta in Italia nell’anno canoviano, Amore e Psiche stanti. “Amore e Psiche”, (149×67,5×62 cm, ma oltre due metri con l’originale basamento che la accompagna da quando era esposta nello studio di Canova), fa il record mondiale per un gesso di Canova e il quarto risultato più importante in assoluto per una sua scultura (i primi tre sono tutti relativi a marmi: Sotheby’s Londra 5 milioni nel 2018, Christie’s Parigi 3,7 milioni nel 2017 e Hotel de Ventes Monte-Carlo 2 milioni nel 2019) e supera persino la Danzatrice in marmo (178×65 cm), aggiudicata a Vienna, da Dorotheum nel 2019 a € 1.148.000.
“Amore e Psiche” aggiudicato da Bonino, inoltre, doppia il precedente record d’asta italiano per un’opera di Canova (€ 602.000, che era detenuto dal “Gruppo Venere e Adone”, gesso, 185x80x60, venduto da Finarte Milano nel 1999).
Un risultato straordinario, ottenuto nonostante il vincolo che limitava la concorrenza a clienti italiani, importante segno di maturità del mercato interno e della risposta del collezionismo – privato e istituzionale – italiano alle grandi sfide del mercato internazionale.
Il risultato testimonia l’efficacia di una dinamica volta alla trasparenza – per la prima volta in Italia un gesso canoviano è stato presentato in asta mostrando la collaborazione del genio veneto (inventore) e dei gessini Malpieri e Torrenti (esecutori sotto la sua direzione), secondo gli standard di trasparenza e informazione del mercato internazionale.
La stretta collaborazione con i massimi esperti e le massime istituzioni statali, la ricerca costante di opere di elevatissimo pregio, da valorizzare e proporre su un mercato sensibile, attento e capace di preservare tesori inestimabili, la amplissima comunicazione, in dimensione europea, che ha inoltre capillarmente raggiunto oltre 350 super acquirenti, sono i segreti di questo successo d’asta, che entra nella storia del mercato dell’arte, grazie al team di giovanissimi di Bonino (dai 23 ai 47 anni, e la maggioranza donne!).
Del tutto riservata sia l’identità sia la natura – se privata o di vocazione pubblica – della collezione acquirente.
Da sottolinerae che la Casa d’Aste, per facilitare la paritaria partecipazione di tutti i concorrenti, privati e istituzioni pubbliche, non ha gravato l’acquirente di commissioni. Venduti sopra o in piena stima anche gli altri due lotti della vendita, Richter: € 23,673 oltre diritti d’asta) e Manet, attribuito a: € 80.000, oltre diritti d’asta.

L’Opera

L’opera fu eseguita nello studio di Antonio Canova (1757-1822), con invenzione del maestro e sotto il suo controllo, probabilmente da Vincenzo Malpieri e Giuseppe Torrenti, i suoi più famosi gessini: così erano chiamati gli aiutanti di Canova responsabili per la predisposizione dei gessi. Si tratta di un gesso di 148x68x65cm proprietà di Veneto Banca SpA in LCA, gruppo bancario ora in liquidazione coatta amministrativa che, pur non avendo mai formato una collezione (a differenza dell’altro grande istituto veneto, la Banca Popolare di Vicenza, che invece costituì un vero e proprio museo in Palazzo Thiene a Vicenza supportato da una strutturata attività di ricerca, espositiva ed editoriale), ha nel tempo, in modo piuttosto randomico, acquisito alcune opere d’arte di differenti temi e qualità, per arredare le proprie sedi o anche a seguito di fusioni e procedure di recupero del credito. L’opera in marmo – da cui questo gesso è tratto – fu realizzata da Canova nel 1796-1797 ed in seguito venne acquistata da Gioacchino Murat, per entrare nelle collezioni del Louvre. Canova chiamava questo tipo di gessi “da forma buona” ossia cavati dal marmo, e li faceva realizzare appositamente a scopo promozionale, per esporli nel proprio studio romano al fine di ottenere nuove commissioni di marmi o diffondere con la loro circolazione la propria fama, ma anche per poter essere riutilizzati, con modifiche, come modello per altre opere. Il calco in gesso di proprietà di Veneto Banca è citato, negli antichi archivi canoviani, tra le opere trasportate dallo studio romano di Canova a Possagno dopo la sua morte, nel 1829. L’opera è stata oggetto di numerose esposizioni tra cui Canova. Eterna Bellezza (Roma, Palazzo Braschi 2019-2020), Canova. Gloria Trevigiana (Treviso, Museo Bailo, maggio-settembre 2022: opera immagine in tutta la comunicazione) ed è attualmente esposta nella mostra Io, Canova. Genio europeo (Bassano del Grappa, 15 ottobre 2022 – 12 marzo 2023). Tale la fama di questo gesso, vincolato nel 2022 come bene di straordinario valore storico artistico dal Ministero della Cultura – che nel 2021 è stato richiesto dal Comune di Venezia per celebrare i milleseicento anni della Serenissima (421-2021).

Potrebbe interessarti anche

Oppure registrati qui per usufruire della prova gratuita di 7 giorni

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana le news del mercato dell’arte e del collezionismo, per essere informato su modifiche, cancellazioni o proroghe nelle date di mostre e appuntamenti, e per conoscere in anteprima le date dei vernissage.

©Realizzato da PS COMPANY srl

Sei interessato a conoscere gli eventi legati al mondo del collezionismo in Italia come mercatini, mostre-mercato, mostre d’arte e aste?
Abbonati per ottenere l’accesso a tutti i contenuti del sito.