I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Mutevole, vero, rifatto, evocato: il corpo in mostra

A Milano la mostra “Corpus Domini. Dal corpo glorioso alle rovine dell’anima”. A Palazzo Reale 111 opere in una mostra che per la prima volta ripensa al concetto di umanità dopo lo scioccante periodo provocato dal Covid19. Fino al 30 gennaio 2022


img
PARTICOLARE DI:Carol Feuerman - Next Summer, 2013 - Scultura in resina dipinta a olio, 99 x 137 x 127 cm - Courtesy Bel-Air Fine Art Contemporary Art Galleries. Foto: Thomas Degalet per Bel-Air Fine Art Contemporary Art Galleries


Palazzo Reale di Milano presenta Corpus Domini. Dal corpo glorioso alle rovine dell’anima, una grande mostra a cura di Francesca Alfano Miglietti. 111 opere – installazioni, sculture, disegni, dipinti, videoinstallazioni e fotografie – di 34 artisti riconosciuti a livello internazionale - alcune delle quali vere icone del contemporaneo, esposte per la prima volta in Italia, per raccontare la molteplicità della rappresentazione dell’essere umano. Il titolo si riferisce alla scomparsa del ‘corpo vero’ a favore del ‘corpo dello spettacolo’: da un Corpo Glorioso - il corpo della consapevolezza, della ribellione, dell’alterità - al Corpo del Contemporaneo - da un lato nella sua declinazione di corpo della società dello spettacolo e dall’altro nelle sue forme più poetiche: il corpo dell’esodo, del lavoro, della moltitudine silenziosa.



“Il confine tra reale e immaginario è sempre meno riconoscibile, tanto da assorbire la realtà dentro uno schermo, come dimostra l’ossessiva presenza degli schermi nella nostra vita: schermi piatti delle televisioni e dei computer, dei videogiochi, degli smartphone.” afferma la curatrice, che prosegue: “Lo schermo annulla la distanza tra lo spettatore e la scena, lo invita a immergersi dentro, gli offre una realtà a portata di mano, ma su cui la mano non ha alcuna presa.”
In circa mille metri quadrati di superficie si snoda un percorso espositivo che analizza l’insorgere nella contemporaneità di nuove forme di rappresentazione, ponendo l’attenzione sullo storico passaggio dal corpo vivo protagonista della Body Art al corpo rifatto dell’Iperrealismo, sul mutamento dei canoni estetici della rappresentazione, e sulla potente evocazione dell’individuo mediante i suoi resti, le sue tracce, i suoi rivestimenti. Un racconto che vuole riflettere sulla crisi dell’esperienza sensoriale provocata dall’avvento di una cultura che propone corpi perfetti, modificati, ripensati, prodotti e ri-prodotti ed essenzialmente finti.

img
PARTICOLARE DI: Vlassis Caniaris "Where’s North, Where’s South? (Children and Testimony)”, 1988  - Tecnica mista, dimensioni variabili - Collezione privata - Courtesy Kalfayan Galleries, Athens/Thessaloniki

Dalle opere di iperrealisti storici, si approda ad altre tipologie narrative, dove il corpo è evocato più che rappresentato, dove sembra essere svanito lasciando solo le tracce del suo esserci stato; l’essere umano viene evocato attraverso i suoi abiti, oggetti del suo lavoro o del suo essere nomade, così come i frammenti corporei, e la sua mutazione, che rispecchiano le mutevoli condizioni sociali del mondo contemporaneo.


img
PARTICOLARE DI: Antony Gormley - Creta / Clay, - 40.5 x 77.5 x 91.2 cm (14 elementi) Courtesy l’artista e Galleria Continua - Foto: Stephen White & Co.

•LA MOSTRA: “Corpus Domini. Dal corpo glorioso alle rovine dell’anima” - MILANO, Palazzo Reale - fino al 30 gennaio 2022 - INFO: 02.8929921 - www.palazzorealemilano.it

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
La mirabile visione. Dante e la Commedia nell’immaginario simbolista
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tesori danteschi a Piacenza. Il Landiano 190, frammenti, incunaboli e cinquecentine
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Inferno
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il Mito di Venezia da Hayez alla Biennale
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Venezia, che impresa! La grande veduta prospettica di Jacopo de’ Barbari
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Venetia 1600. Nascite e Rinascite
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Monet. Dal Musée Marmottan Monet, Parigi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Realismo Magico. Uno stile italiano
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Divisionismo. 2 collezioni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Fattori. Capolavori e aperture sul ’900
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
KLIMT. La Secessione e l’Italia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Macchiaioli. L’avventura dell’arte moderna
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Banksy. Building castles in the sky
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Domenico Gnoli
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Saul Steinberg Milano New York
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Corpus Domini. Dal corpo glorioso alle rovine dell’anima
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Jeff Koons. Shine
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Luigi Ontani. Alam Jiwa & Vanitas
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Michael Kenna: il fiume Po
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Martin Parr. We love Sports
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sandro Miller. Malkovich, Malkovich, Malkovich. Homage to Photographic Masters
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Franco Maria Ricci: i segni dell’uomo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Misurare la Terra
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Vetri dal Rinascimento all’Ottocento. La donazione Cappagli Serretti per i Musei Civici d’Arte Antica di Bologna
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Habitus. Indossare la libertà
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
I love Lego
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Wonder Woman. Il mito
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
FMR - Rinasce "la rivista più bella del mondo-2
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Casa Balla. Prorogata l’apertura straordinaria al pubblico
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sotheby’s - Asta record per ‘Diego y Yo’ di Frida Kahlo
Leggi tutto...