I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

La raccolta Molinari Pradelli. L'occhio del collezionista
AUna selezione di cento dipinti dalla celebre collezione del direttore d’orchestra bolognese, sarà esposta alla Galleria degli Uffizi, dall’11 febbraio all’ 11 maggio 20141
Particolare di: Jacopo Chimenti detto l’Empoli (Firenze 1551-1640)
”Cucina con carni, verdura e un fiasco di vino”
Olio su tela Collezione Molinari Pradelli

Nota a livello internazionale, la raccolta Molinari Pradelli è la più significativa formatasi a Bologna nel Novecento e si segnala, oltre che per la consistenza delle opere e la selezionata qualità, per la specifica connotazione conferitale dal gusto raffinato del celebre direttore d’orchestra Francesco Molinari Pradelli (1911-1996) attraverso i numerosi viaggi e le relazioni internazionali sull’onda del successo della professione.
Francesco Molinari Pradelli nasce a Bologna nel 1911. Già alle prime esibizioni, la stampa lo definisce, nel 1938, “direttore di sicuro avvenire” mentre Arturo Toscanini lo segnala come giovane che “ha del talento e farà carriera”. A partire dal 1949 raggiunge un successo internazionale che lo porta sul podio dei principali teatri europei e americani. A partire dagli anni Cinquanta il maestro ha coltivato una crescente passione per la pittura raccogliendo dapprima dipinti dell’Ottocento, quindi rivolgendosi alla pittura barocca spinto da un’attrazione del tutto originale verso il genere della natura morta i cui studi erano allora alle origini, con un’ottica che univa al piacere del possesso e all’apprezzamento estetico il desiderio di conoscenza sollecitato dalle visite ai musei e alle mostre nelle città in cui la carriera professionale lo portava. Ne sono testimonianza la quantità di libri e riviste specialistiche presenti nell’abitazione, le fotografie, gli appunti delle ricerche storico-artistiche condotte con la consultazione delle fonti storiografiche, la fitta corrispondenza epistolare e le relazioni con gli storici dell’arte.

La collezione di circa duecento quadri che nel corso del tempo rivestirono le pareti della residenza bolognese e quindi della villa a Marano di Castenaso è stata ammirata dai maggiori storici dell’arte del Novecento, europei e americani. Se prevalenti sono i dipinti di figura della scuola emiliana - con opere di Pietro Faccini, Mastelletta, Guido Cagnacci, Marcantonio Franceschini e soprattutto i fratelli Gandolfi - e di quella napoletana - con dipinti di Luca Giordano, Micco Spadaro, Francesco De Mura, Lorenzo De Caro etc. -, non mancano capolavori di artisti veneti - Palma il Giovane, Alessandro Turchi, Sebastiano Ricci, Giovanni Battista Pittoni -, di artisti liguri e lombardi - Bernardo Strozzi, Bartolomeo Biscaino, Giulio Cesare Procaccini, Carlo Francesco Nuvolone, fra Galgario, Giuseppe Bazzani - e di artisti romani quali Gaspard Dughet, Pier Francesco Mola, Lazzaro Baldi, Paolo Monaldi.
A conferire alla collezione, molto precocemente, una notorietà internazionale furono tuttavia i numerosi dipinti di natura morta di artisti come Jacopo da Empoli, Luca Forte, Giuseppe Recco, Cristoforo Munari, Arcangelo Resani, Carlo Magini, segno di un intuito fuori dal comune che fece del noto direttore d’orchestra un autentico conoscitore della pittura barocca italiana, antesignano dei moderni studi sulla natura morta.   

•LA MOSTRA: “Le stanze delle muse. Dipinti barocchi dalla collezione di Francesco Molinari Pradelli” - FIRENZE, Galleria degli Uffizi -  Sala delle Reali Poste -  dall’11 febbraio all’11 maggio - INFO: Tel. 055.285610 - info@amicidegliuffizi.it

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
La mirabile visione. Dante e la Commedia nell’immaginario simbolista
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tesori danteschi a Piacenza. Il Landiano 190, frammenti, incunaboli e cinquecentine
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Inferno
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il Mito di Venezia da Hayez alla Biennale
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Venezia, che impresa! La grande veduta prospettica di Jacopo de’ Barbari
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Venetia 1600. Nascite e Rinascite
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Monet. Dal Musée Marmottan Monet, Parigi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Realismo Magico. Uno stile italiano
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Divisionismo. 2 collezioni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Fattori. Capolavori e aperture sul ’900
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
KLIMT. La Secessione e l’Italia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Macchiaioli. L’avventura dell’arte moderna
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Banksy. Building castles in the sky
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Domenico Gnoli
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Saul Steinberg Milano New York
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Corpus Domini. Dal corpo glorioso alle rovine dell’anima
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Jeff Koons. Shine
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Luigi Ontani. Alam Jiwa & Vanitas
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Michael Kenna: il fiume Po
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Martin Parr. We love Sports
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sandro Miller. Malkovich, Malkovich, Malkovich. Homage to Photographic Masters
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Franco Maria Ricci: i segni dell’uomo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Misurare la Terra
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Vetri dal Rinascimento all’Ottocento. La donazione Cappagli Serretti per i Musei Civici d’Arte Antica di Bologna
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Habitus. Indossare la libertà
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
I love Lego
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Wonder Woman. Il mito
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
FMR - Rinasce "la rivista più bella del mondo-2
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Casa Balla. Prorogata l’apertura straordinaria al pubblico
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sotheby’s - Asta record per ‘Diego y Yo’ di Frida Kahlo
Leggi tutto...