I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Henry Matisse . L'emozione della figura
A Ferrara, Palazzo dei Diamanti dal 22 febbraio al 15 giugno 2014

img

Particolare di: Henri Matisse: Odalisca con i pantaloni grigi, 1926-27 Olio su tela, cm 54 x 65 Parigi, Musée de l’Orangerie. © Succession H. Matisse, by SIAE 2013

 

Quel che più mi interessa non è né la natura morta, né il paesaggio, ma la figura. La figura mi permette ben più degli altri temi di esprimere il sentimento, diciamo religioso, che ho della vita
Henri Matisse, 1908

Il genio di Matisse ha cambiato il corso dell’arte del Novecento, imprimendo la sua visione nuova ad ogni genere artistico. Nessuno di questi, però, l’ha affascinato quanto la rappresentazione della figura, soprattutto femminile, al punto da impegnarlo per l’intero arco della sua carriera in una ricerca incessante attraverso tutte le tecniche. È questo il tema attorno a cui è incentrata la mostra che Palazzo dei Diamanti dedica ad un gigante della storia dell’arte moderna, evocando il suo percorso creativo e, al tempo stesso, mettendo in luce le strette relazioni tra la sua produzione pittorica, scultorea e disegnativa.
Ad accogliere il visitatore sarà il magnetico Autoritratto del 1900 (Parigi, Centre Pompidou) assieme a giovanili e potenti prove di studio sul modello. La gioiosa vitalità della stagione fauve verrà poi rievocata da un dipinto raggiante di colori puri, quale il Ritratto di André Derain (1905, Londra, Tate), e dalle creazioni nate sotto la suggestione della pittura di Cézanne e della scultura africana.

La mostra metterà quindi il visitatore di fronte a tre pietre miliari del 1909: il bronzo La serpentina, la tela Nudo con sciarpa bianca, e la Bagnante, opere che costituiscono uno dei più alti raggiungimenti matissiani, nell’arabesco fluttuante dei corpi capace di trasmettere un senso di primordiale fusione con l’ambiente.
Negli anni della prima guerra mondiale, la figura femminile è al centro di un lavoro quasi ossessivo con cui Matisse cerca di metterne a nudo l’essenza, come dimostrano le effigi di Lorette con il loro fascino misterioso. Una svolta radicale è segnata dalle opere del dopoguerra che riflettono l’incantesimo della Costa Azzurra e la riscoperta di Ingres e Renoir.
Matisse si lascia ora sedurre dai riflessi di luce sulla figura della modella e sugli arredi esotici di cui la circonda. La monumentale Ninfa nella foresta, un capolavoro come Natura morta con donna addormentata e altri magnifici disegni, incarnano il nuovo cambiamento di rotta seguito al prestigioso incarico decorativo per la Barnes Foundation negli Stati Uniti e alle illustrazioni delle poesie di Mallarmé.
A chiudere la mostra saranno le testimonianze della stupefacente vitalità e dell’inesauribile forza d’immaginazione dell’anziano maestro: gli interni d’atelier pulsanti di toni vivi o ancora opere rivoluzionarie come il celebre libro Jazz e la serie degli Acrobati. Queste creazioni incarnano l’essenza dell’arte di Matisse, capace con pochi segni di toccare le corde più profonde dell’animo e di infondere un senso di perfetta armonia, esercitando una straordinaria influenza sugli artisti del suo tempo e delle generazioni a venire.

 

•LA MOSTRA: “Matisse, la figura. La forza della linea, l’emozione del colore” - FERRARA, Palazzo dei Diamanti - dal 22 febbraio al 15 giugno - INFO: Tel. 0532.244949 - www.palazzodiamanti.it

 

 

 

 

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
La mirabile visione. Dante e la Commedia nell’immaginario simbolista
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tesori danteschi a Piacenza. Il Landiano 190, frammenti, incunaboli e cinquecentine
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Inferno
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il Mito di Venezia da Hayez alla Biennale
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Venezia, che impresa! La grande veduta prospettica di Jacopo de’ Barbari
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Venetia 1600. Nascite e Rinascite
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Monet. Dal Musée Marmottan Monet, Parigi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Realismo Magico. Uno stile italiano
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Divisionismo. 2 collezioni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Fattori. Capolavori e aperture sul ’900
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
KLIMT. La Secessione e l’Italia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Macchiaioli. L’avventura dell’arte moderna
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Banksy. Building castles in the sky
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Domenico Gnoli
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Saul Steinberg Milano New York
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Corpus Domini. Dal corpo glorioso alle rovine dell’anima
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Jeff Koons. Shine
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Luigi Ontani. Alam Jiwa & Vanitas
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Michael Kenna: il fiume Po
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Martin Parr. We love Sports
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sandro Miller. Malkovich, Malkovich, Malkovich. Homage to Photographic Masters
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Franco Maria Ricci: i segni dell’uomo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Misurare la Terra
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Vetri dal Rinascimento all’Ottocento. La donazione Cappagli Serretti per i Musei Civici d’Arte Antica di Bologna
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Habitus. Indossare la libertà
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
I love Lego
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Wonder Woman. Il mito
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
FMR - Rinasce "la rivista più bella del mondo-2
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Casa Balla. Prorogata l’apertura straordinaria al pubblico
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sotheby’s - Asta record per ‘Diego y Yo’ di Frida Kahlo
Leggi tutto...