I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

In bilico fra delicatezza e brutalità

George de la Tour per la prima volta in Italia A Milano il mondo e le opere del maestro lorenese. Dal 7 febbraio al 7 giugno 2020 Palazzo Reale porta una nuova riflessione sulla pittura dal naturale e sulle sperimentazioni luministiche, per affrontare i profondi interrogativi che ancora avvolgono l’opera di questo misterioso artista


img
PARTICOLARE DI:Georges de La Tour - Maddalena penitente, 1635 - 1640 - olio su tela - 113 x 92.7 cm - National Gallery of Art - Washington D.C. U.S.A.

A Milano - per la prima volta in Italia - una mostra dedicata a Georges de La Tour: l’Europa della luce, a Palazzo Reale dal 7 febbraio al 7 giugno 2020. Dopo lo straordinario successo dell’esposizione di due tele del maestro a Palazzo Marino nel 2011, che surclassò anche quella di Caravaggio, per la prima volta in Italia una mostra dedicata al più celebre pittore francese del Seicento e ai suoi rapporti con i grandi maestri del suo tempo. 

La mostra a Palazzo Reale e gli studi del catalogo riflettono sulla pittura di Georges de la Tour, caratterizzata da un profondo contrasto tra i temi “diurni”, crudamente realistici, che ci mostrano un’esistenza senza filtri, con volti segnati dalla povertà e dall’inesorabile trascorrere del tempo e i temi “notturni” con splendide figure illuminate dalla luce di una candela: modelli assorti, silenziosi, commoventi. Un potente contrasto tra il mondo senza pietà dei “diurni” e la compassionevole rappresentazione delle scene “notturne” che colpisce ancora oggi. Dipinti che conservano il segreto della loro origine e della loro destinazione. Come rimane un mistero la formazione del pittore, compresa la possibilità o meno di un suo viaggio italiano.



La prima mostra in Italia dedicata a Georges de La Tour, attraverso dei mirati confronti tra i capolavori del Maestro francese e quelli di altri grandi del suo tempo – Gerrit van Honthorst, Paulus Bor, Trophime Bigot, Hendrick ter Brugghen e altri – vuole portare una nuova riflessione sulla pittura dal naturale e sulle sperimentazioni luministiche, per affrontare i profondi interrogativi che ancora avvolgono l’opera di questo misterioso artista. Un’esposizione unica considerato che, come ebbe a sottolineare Roberto Longhi, in Italia non vi è conservata nessuna opera di La Tour e sono poco più di 30 le opere certamente attribuite al Maestro.

img
PARTICOLARE DI:Georges de La Tour - La lotta dei musici, 1625 - 1630 ca. - olio su tela - 85.7 x 141 cm - The J. Paul Getty Museum - Los Angeles U.S.A. 

Nonostante l’alone di mistero che avvolge l’artista lorenese e la sua opera, da decenni ormai Georges de La Tour è uno dei pittori prediletti dai francesi e non solo. Georges de la Tour (Vic-sur-Seille,1593– Lunéville, 1652), è una delle grandi riscoperte artistiche del Novecento. Dal 1915, anno in cui il tedesco Hermann Voss pubblicò un articolo rivelatore sulla sua opera, il pittore del Seicento francese non smette di affascinare generazioni intere di storici dell’arte, che si prodigano alla ricerca di documenti, quadri e disegni preparatori che testimonino l’attività di un artista straordinario, non convenzionale ed emozionante.
La Tour fu un pittore molto stimato ai suoi tempi, originale per la mistura di spiritualità e di realismo, sempre in bilico fra delicatezza e brutalità. Guardato spesso con una certa diffidenza: padre di 11 figli, dal carattere difficile e con un gran numero di cani randagi. Eppure ebbe successo prima nel Ducato di Lorena dove nacque, e poi a Parigi dove fu nominato, nel 1639, pittore del re Luigi XIII.


img
PARTICOLARE DI: Georges de La Tour - I giocatori di dadi, 1650 - 1651 - olio su tela - 92.5 x 130.5 cm - Preston Park Museum and Grounds - Stockton-on-Tees U.K.


•LA MOSTRA: “Georges de La Tour. L’Europa della luce” - MILANO, Palazzo Reale - dal 7 febbraio al 7 giugno 2020 - INFO: Tel. 02.92897755  - www.palazzorealemilano.it

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
PER IL COLLEZIONISTA La storia delle scatole di latta
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pietro Aretino e l’arte nel Rinascimento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Georges de La Tour. L’Europa della luce
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tiziano e Caravaggio in Peterzano
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Donne nell’Arte. Da Tiziano a Boldini
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Frida Kahlo - Il caos dentro
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Contessa e Astronauta. Ritratti femminili da Mose’ Bianchi a Joan Jonas
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Arcadia e Apocalisse. Paesaggi italiani in 150 anni di arte, fotografia, video e installazioni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Gio Ponti. Amare l’Architettura
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Emilio Vedova
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
FELLINI 100
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Carlo Scarpa. Vetri e disegni 1925-1931
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
C’era una volta Sergio Leone
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ai piedi degli Dei. Le calzature antiche e la loro fortuna nella cultura del Novecento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Picasso. L’altra metà del cielo. Foto di Edward Quinn
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Razza Umana di Oliviero Toscani
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Fellini. La dolce vita e 8 . Fotografie di scena
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Arte Fiera a Bologna
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Borsa Scambio Giocattoli e Modelli d’Epoca a Verona
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pietro Aretino e l’arte nel Rinascimento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Milano Map Fair
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
C'era una volta... Antiquariato
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mercatino Antiquario di Ascoli
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
C’era una volta… il libro
Leggi tutto...