I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Orologi da collezione. Il Gran Gala dell’alta orologeria

A Ginevra grande successo per le aste primaverili. Rolex Daytona il grande protagonista


Di Camillo Carmignani e Antonio Nocco


img
Rolex Cosmograph “Unicorn” referenza 6265 del 1970

Anche quest’anno Ginevra ha ospitato l’evento internazionale più atteso dagli appassionati di alta orologeria: le aste primaverili. Le grandi case d’asta Phillips, Christie’s, Sotheby’s e Antiquorum hanno accolto un numerosissimo pubblico di collezionisti, commercianti e appassionati di tutto il mondo a conferma di un interesse sempre più “planetario” per questo settore, un tempo dominato dall’Europa e dagli Stati Uniti. La crescente diffusione di questa forma di collezionismo è sicuramente uno degli elementi che ne accelerano la crescita, ultimamente davvero impressionante, soprattutto sui modelli e le referenze del momento.



E seppur queste aste internazionali rappresentino a nostro avviso solo la punta di diamante del mercato, ne forniscono comunque un quadro molto interessante circa l’evoluzione e le tendenze. A livello di marchi l’attenzione principale del mercato, sia nel vintage che nel moderno, è rivolta in questo momento principalmente a Rolex e ad alcune referenze di Patek Philippe e di Audemars Piguet. Tuttavia i prezzi sempre più di nicchia di questi oggetti hanno alimentato negli ultimi anni l’interesse, secondo noi meritatissimo, per una seconda e una terza linea che in effetti, sia dal punto di vista storico che tecnico, non hanno nulla da invidiare ai nomi di spicco. Per citarne solo alcuni, oltre ai già blasonati Omega, Longines e Jaeger Le Coultre, notiamo oggi grande attenzione anche per Heuer, Universal, Zenith e Breitling. Il vero boom del momento ha però un solo protagonista: il Rolex Cosmograph “Daytona”. Non è un caso infatti che Phillips gli abbia dedicato in apertura un’asta monotematica. Trentadue orologi speciali per rarità e condizioni, attentamente selezionati dall’esperto Pucci Papaleo, hanno incendiato le platee facendo segnare vendite complessive per 20 milioni di euro.

img
Daytona con quadrante Paul Newman “John Player Special” in oro 14 k

Fra i vari lotti ricordiamo innanzitutto il mitico “Unicorn” referenza 6265 del 1970, ovvero l’unico Cosmograph mai costruito da Rolex in oro bianco, proposto dal leggendario collezionista John Goldberger, il cui ricavato verrà devoluto in beneficenza: 5 milioni di euro. Non da meno un “semplice” Daytona di acciaio ref. 16520 meccanica Zenith NOS (New old stock) con quadrante in porcellana venduto ad oltre 150.000 euro ed un Cosmograph con quadrante Paul Newman primissimo modello a quasi 3 milioni di euro. A seguire, sempre da Phillips, due Omega da record: uno Speedmaster ref. 2915-1 a 350.000 euro ed un ‘solo tempo’ con quadrante Tiffany regalato dalla RCA Records ad Elvis Presley per il raggiungimento dei 75 milioni di copie di dischi venduti, ad oltre 1,5 milioni di euro. Christie’s si è distinta nella vendita di alcuni lotti moderni, fra cui un Patek Philippe Tourbillon di Platino venduto a 450.000 euro ed un Nautilus chrono pezzo unico tempestato di brillanti ad oltre mezzo milione di euro. Da Antiquorum un altro Tourbillon di Patek Philippe ha quasi raggiunto il milione di euro mentre un meraviglioso Daytona con quadrante Paul Newman “John Player Special” in oro 14 k ha sfiorato il mezzo milione. Infine Sotheby’s ha raggiunto quasi un milione con un meraviglioso Paul Newman ref. 6239 con contatori marroni.

img
PARTICOLARE DI: Omega quadrante Tiffany regalato dalla RCA Records ad Elvis Presley

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
L’Italia prima dei cellulari - La moneta telefonica dal 1880 ad oggi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Taddeo Di Bartolo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Raffaello
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ulisse l’Arte e il Mito
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sfida al Barocco. Roma Torino Parigi 1680 - 1750
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Michelangelo e i Medici attraverso le carte dell’archivio Buonarroti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’atelier di Leonardo e il Salvator Mundi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Migrating Objects: arte dall’Africa,dall’Oceania e dalle Americhe nella Collezione Peggy Guggenheim
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Carlo Fornara e il Divisionismo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Storie del Novecento in Toscana
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Jim Dine
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La collezione Farina. Arte e Avanguardia a Ferrara 1963-1993
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tomás Saraceno. Aria
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Giannetto Cimurri: il masseur e le bici dei suoi campioni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mode nel mondo: i vestiti raccontano la vita dei popoli
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Alberto Sordi 1920 – 2020
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Jacques Henri Lartigue
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Helmut Newton. Works
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Uniform into the work/out of the work. La divisa da lavoro nelle immagini di 44 fotografi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Finarte. Il 2019 si chiude con una crescita del +40%
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ponte casa d’Aste. Un anno da record per l’arte moderna e contemporanea
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo filatelista a Torino
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Rinviato il Mercanteinfiera
Leggi tutto...