I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Ritorni al passato

La ripresa ricorsiva di modelli delle epoche precedenti da parte degli artisti del XVIII e XIX secolo. Istituzione Bologna Musei, fino al 15 luglio 2018


img
PARTICOLARE DI: Donato Creti (Cremona, 1671 – Bologna, 1749) Dio fluviale (sovrapporta), 1715-1721 olio su tela  cm 175 x 104

Con la mostra Creti, Canova, Hayez. La nascita del gusto moderno tra ‘700 e ‘800 nelle Collezioni Comunali d’Arte, il museo civico situato al secondo piano di Palazzo d’Accursio presenta un percorso di visita ridefinito in concomitanza con gli interventi di ripristino di una parte della copertura dell’edificio avviati lo scorso novembre. La mostra consente di ammirare oltre 150 opere ordinate secondo numerosi accostamenti inediti, anche grazie alla presentazione di alcuni lavori solitamente conservati in deposito e di prestiti provenienti da altri musei civici. La mostra si sofferma sulla ripresa ricorsiva di modelli delle epoche precedenti da parte degli artisti che operarono durante il XVIII e il XIX secolo, mettendo a confronto stili e iconografie di importanti autori non solo bolognesi.



La sintesi che ne nacque gettò le fondamenta del gusto contemporaneo, creando i presupposti teorici ed estetici anche per le avanguardie del primo Novecento. Il percorso ricostruisce un itinerario dedicato all’evoluzione del paesaggio tra il XVIII e l’inizio del XIX secolo e in cui si può ammirare l’Apollino di Antonio Canova. Le novità stilistiche affermatesi con la pittura sciolta e veloce di Giovanni Antonio Burrini e di Giuseppe Maria Crespi, la fiabesca interpretazione del mito nei dipinti di Donato Creti, il linguaggio umanissimo delle enfatiche rappresentazioni religiose e delle rievocazioni storiche della famiglia Gandolfi, sono gli elementi su cui si costituisce l’arte del Settecento bolognese, che ritorneranno rivisitati in momenti diversi nel corso dell’Ottocento. Il recupero del gusto dell’antichità classica con cui si apre l’Ottocento, è solo il primo dei tanti ritorni al passato, che furono il filo conduttore delle scelte artistiche e ideologiche del secolo.

img
PARTICOLARE DI: Pelagio Palagi (Bologna, 1775 - Torino, 1860) - Leonida condanna Cleombroto, 1806 - 1807 - olio su tela  - cm 80 x 100

Il longevo Pelagio Palagi attraversò almeno tre di queste correnti culturali, soppiantando via via le citazioni dell’arte classica con quelle della pittura idealizzata del Rinascimento toscano. Esponente di spicco del passaggio delle arti dal Romanticismo al Verismo fu Francesco Hayez, caposcuola del romanticismo pittorico italiano. Il recupero della pennellata rapida e informale tardobarocca sta alla base del rinnovamento stilistico dei due decenni a cavallo dell’Unità d’Italia (1860-1880).
Chiuderanno il secolo le sperimentazioni testimoniate in mostra dal dipinto di Alfredo Savini, riuscita fusione di pittura simbolista e divisionista, che ormai preannuncia il gusto dell’arte floreale con cui si chiuderà  l’Ottocento.


img
PARTICOLARE DI: Abbondio Sangiorgio (Milano, 1798-1879) - Castore e Polluce (i Dioscuri), 1846 - gesso - cm 103 x 43 x 103 ognuna

•LA MOSTRA: “Creti, Canova, Hayez. La nascita del gusto moderno tra ‘700 e ‘800 nelle Collezioni Comunali d’Arte” - BOLOGNA,  Collezioni Comunali d’Arte - fino al 15 luglio 2018 - INFO: tel. 051/2193930 - www.museibologna.it

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Women. Un mondo in cambiamento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
PhotoAnsa 2019
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Memoria e passione. Da Capa a Ghirri
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Rare pitture. Da Guercino a Mattia Preti a Palma il Giovane
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La riscoperta di un capolavoro. Il Polittico Griffoni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
I marmi Torlonia. Collezionare capolavori
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Viaggio oltre le tenebre. Tutankhamon Real Experience®
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Giambattista Piranesi. Visioni di un architetto senza tempo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tutankhamon: viaggio verso l’eternità
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ligabue e Vitaloni. Dare voce alla natura
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’ultimo romantico
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Monet e gli Impressionisti. Capolavori dal Musée Marmotton Monet, Parigi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Banksy a visual protest
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Carla Accardi. Contesti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Franco Guerzoni. L’immagine sottratta
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Disney. L’arte di raccontare storie senza tempo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
A Bologna nasce il museo dei videogiochi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Robot. The Human Project
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Argenti preziosi. Opere degli argentieri piemontesi del Settecento e dell’Ottocento 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mogano Ebano Oro! Interni d’arte a Genova nell’Ottocento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Stile Milano. Storie di eleganza
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Rinviato ad aprile il Mercanteinfiera
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
A Reggio Emilia tra libri antichi e prime edizioni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Addio a Ulay, compagno storico di Marina Abramovic
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mercanteinfiera torna ad ottobre
Leggi tutto...