I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

L’ossessione del paesaggio

Rubaldo Merello tra divisionismo e simbolismo. A Genova, Palazzo Ducale, Sottoporticato, fino al 4 febbraio 2018


img
PARTICOLARE DI: Rubaldo Merello - Aurora a San Fruttuoso, s.d. (1910-1914) - olio su tela, cm 111 x 93 - Collezione privata


A oltre quarant’anni dalla Mostra di Rubaldo Merello che diede avvio alla rilettura dell’opera di uno tra i maggiori pittori liguri del Novecento, Palazzo Ducale di Genova dedica all’artista ligure un’ampia mostra in cui, tra le duecento opere selezionate, si presentano 65 suoi dipinti e circa 30 suoi disegni, accompagnati dalle principali testimonianze della sua attività plastica. 



A contestualizzare la sua produzione artistica contribuiscono una decina di opere di Nomellini, cinque di Previati (tra cui Tramonto in Liguria, 1912, uno dei suoi capolavori liguri) e altrettante di Pellizza, oltre a dipinti di  Giovanni Segantini, Vittore Grubicy, Emilio Longoni, Angelo Morbelli, Galileo Chini e molti altri. La mostra è suddivisa in dodici sezioni: Grubicy e il mito di Segantini; Previati e il paesaggio ligure; Nomellini a Genova; Il mare di Nomellini; Pellizza da Volpedo. Verso il paesaggio interiore; Merello. L’ossessione del paesaggio; San Fruttuoso; Le forme dell’acqua; Merello scultore; Merello e il simbolismo; Oltre Merello.

img
PARTICOLARE DI: Plinio Nomellini, Sturla olio su tavola

Una sezione infine è dedicata alla rappresentazione fotografica della riviera del levante ligure, dalle vedute dei luoghi ritratti da Merello - il monte di Portofino, la baia di San Fruttuoso, Camogli, Ruta e Santa Margherita - alla costa riscoperta a cavallo tra Otto e Novecento dai pittori divisionisti italiani. Al fine di ricostruire la complessa e articolata esperienza artistica di Merello e il contesto entro il quale si formò, la sua ricerca pittorica è messa a confronto con quelle dei principali divisionisti italiani che l’artista genovese ebbe modo di conoscere alle Promotrici e in altre occasioni espositive o ebbe l’opportunità di incontrare. Attraverso la lezione di questi artisti, Merello aderì, nei primi anni del Novecento, all’esperienza pittorica del divisionismo che sviluppò nelle sue opere - ossessivamente ispirate dal paesaggio del monte di Portofino e della baia di San Fruttuoso - attraverso un’autonoma e personale rielaborazione linguistica. Completamente distaccato dal mondo esterno - nel suo iniziale romitaggio sulla Ruta di Camogli e poi a San Fruttuoso e a Portofino - il pittore ricavò infatti, dalla ristretta visuale del microcosmo nel quale si trovò a operare, la necessaria concentrazione per una totale identificazione esistenziale con il suo percorso artistico. Il paesaggio che insistentemente si ricompone nelle sue tele - con prospettive e tagli uguali o solo leggermente variati - incarnò, nel suo progressivo processo di ricerca, la tensione verso la rappresentazione di un paesaggio interiore.

img
PARTICOLARE DI: Gaetano Previati (Ferrara 1852 – Lavagna, Genova, 1920) - Tramonto in Liguria, 1912 - olio su tela, cm 147 x 197 - Collezione privata

•LA MOSTRA: “Rubaldo Merello tra divisionismo e simbolismo. Segantini, Previati, Nomellini, Pellizza” - GENOVA, Palazzo Ducale - fino al 4 febbraio 2018 - INFO: tel. 010.8171600 - www.palazzoducale.genova.it

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Raffaello e l’eco del mito
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Da Brooklyn al Bargello: Giovanni della Robbia, la lunetta Antinori e Stefano Arienti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La collezione Cavallini Sgarbi. Da Niccolò dell’Arca a Gaetano Previati. Tesori d’arte per Ferrara
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pompei@Madre. Materia Archeologica
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il Tesoro di Antichità. Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del Settecento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Traiano. Costruire l’impero, creare l’Europa
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Giambattista Piranesi. Il sogno della classicità
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Maria Teresa e Trieste. Storia e culture della città e del suo porto
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Monet Experience
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
René Paresce. Italiani a Parigi. Campigli, de Chirico, de Pisis, Savinio, Severini, Tozzi” Orozco, Rivera Y Siqueiros
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La Rivoluzione Russa. Da Djagilev all’astrattismo (1898 - 1922)
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Frida Kahlo. Oltre il mito
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Kerouac. Beat Painting
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ettore Sottsass. Oltre il design
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Una Rivoluzione a Fumetti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Revolution. Musica e ribelli 1966-1970 – Dalla Londra dei Beatles a Woodstoc
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Bike Passion. Dagli Album Campari una storia a due ruote
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ricerche di stile. Gli Archivi Mazzini a Palazzo Tozzoni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ninja e Samurai. Magia ed estetica BUSHI parte II
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Intervista a Massimo Minini
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
ARTE FIERA 2018 A Bologna
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Museo Italiano dell'Ebraismo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Museo Capodimonte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
BRAFA 2018.
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
COS-MO - Comics&Games Modena
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Arezzo Classic Motors
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Asta libraria antiquaria
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Luca Macauda - Ciane
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Antiqua 2018. Mostra Mercato di Arte Antica
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
East Market Milano
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
VI Milano Map Fair
Leggi tutto...