I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Carlo Bononi a Ferrara. Un’emozionante racconto religioso

A Palazzo dei Diamanti, dal 14 Ottobre 2017 al 07 Gennaio 2018, l’ultimo sognatore dell’officina ferrarese


img
PARTICOLARE DI: Carlo Bononi, Noli me tangere, c. 1608-14. Olio su tela, cm 69 x 91. Collezione privata


Il suo nome è stato accostato a quelli di Caravaggio e Zurbarán. Guido Reni ne ammirava la «sapienza grande nel disegno e nella forza del colorito». La mostra in programma quest’autunno a Palazzo dei Diamanti sarà un’occasione imperdibile per accostarsi a un capitolo della storia dell’arte affascinante anche se poco conosciuto. L’appuntamento espositivo è riservato, infatti, a uno dei grandi protagonisti della pittura del Seicento: il ferrarese Carlo Bononi. 



Per secoli Bononi, come del resto l’intero Seicento ferrarese, è rimasto in ombra, offuscato dal ricordo della magica stagione rinascimentale degli Este. Una lenta operazione di recupero critico ha progressivamente messo a fuoco la figura di un artista unico, che seppe interpretare in modo sublime e intimamente partecipato la tensione religiosa del suo tempo. Pittore di scene mitologiche nonché di grandi cicli decorativi sacri e di pale d’altare, Bononi elabora un linguaggio pittorico che pone al centro l’emozione, il rapporto intimo e sentimentale tra le figure dipinte e l’osservatore. Negli anni drammatici dei contrasti religiosi, dei terremoti e delle pestilenze, il sapiente uso della luce e il magistrale ricorso alla teatralità fanno di lui uno dei primi pittori barocchi della penisola, come testimoniano le seducenti decorazioni di Santa Maria in Vado. Ma Bononi fu anche un grande naturalista: nelle sue opere il sacro dialoga con il quotidiano.

img
PARTICOLARE DI: Carlo Bononi: Sibilla, c. 1610, Olio su tela, cm 125 x 290. Fondazione Cavallini-Sgarbi

Tele come il Miracolo di Soriano o l’Angelo custode mostrano quanto sentita fosse per l’artista la necessità di calare il racconto religioso nella realtà, incarnando santi e madonne in persone reali e concretamente riconoscibili. In questa prospettiva, pochi come lui hanno saputo coniugare il nudo maschile con le esigenze rappresentative dell’Italia ancora controriformista di inizio Seicento: i suoi martiri e i suoi santi sono dipinti con perfezione potente e, al contempo, suadente, ma senza alcun gusto voyeuristico.
Tutto questo era ben chiaro agli occhi dei contemporanei. Il “divino” Guido Reni, a pochi mesi di distanza dalla morte di Carlo, avvenuta nel 1632, lo esaltava descrivendolo «pittore non ordinario» dal «fare grande e primario», dotato di «una sapienza grande nel disegno e nella forza del colorito».


img
PARTICOLARE DI: Carlo Bononi, San Ludovico scongiura la peste, 1632. Olio su tela, cm 140 x 180. Vienna, Kunsthistorisches Museum, Gemäldegalerie

•LA MOSTRA: “Carlo Bononi. L’ultimo sognatore dell’Officina ferrarese” - FERRARA, Palazzo dei Diamanti - dal 14 ottobre al 7 gennaio 2018 - INFO: tel. 0532.244949 - www.palazzodiamanti.it

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Collezione Presepe Napoletano di Gherardo Noce Benigni Olivieri
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mutina Splendidissima. La città romana e la sua eredità
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tiepolo segreto
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
On the Road. Via Emilia 187 a.C. - 2017
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri. Napoli, Genova e Milano a confronto (1610 – 1640)
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Le trame di Giorgione
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
I volti della Riforma. Lutero e Cranch nelle collezioni medicee
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Realismo Magico. L’incanto nella pittura italiana degli anni Venti e Trenta
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Da De Nittis a Gemito. I napoletani a Parigi negli anni dell’Impressionismo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Revolutija. Da Chagall a Malevich  da Repin a Kandinsky
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
México “La Mostra Sospesa” Orozco, Rivera Y Siqueiros
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Picasso. Capolavori dal Museo Picasso di Parigi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Adrian Paci. Di queste luci si servirà la notte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Artisti all’opera. Il Teatro dell’Opera di Roma sulla frontiera dell’arte da Picasso a Kentridge 1880-2017
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Vero Amore. Pop Art italiana dalle collezioni della GAM
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Divina creatura - Il riflesso della moda femminile nelle arti del secondo Ottocento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Giansone. Sculture da indossare
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tessuto e ricchezza a Firenze nel Trecento. Lana, seta, pittura
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Voglia d’Italia. Il collezionismo internazionale nella Roma del Vittoriano
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leopoldo de’ Medici principe dei collezionisti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il segno dell’Ottocento. Disegno italiano a Verona
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
James Nachtwey. Memoria
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
World Press Photo 2017
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Presepe di Ghiaccio a colori
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
“100 Presepi” a Roma
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
MIAs  Mid-career Italian Artists
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mutina Splendidissima. La città romana e la sua eredità
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Record per il ‘Salvator Mundi’ di Leonardo da Vinci
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mutina Splendidissima. La città romana e la sua eredità
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
C’era una volta…antiquariato a Forlì il 20 e 21 gennaio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Biennale di Venezia da record
Leggi tutto...