I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Marino Marini. Confronti

A Palazzo Fabroni di Pistoia, la prima retrospettiva dedicata all’artista che ambisce a situarlo organicamente nella storia della scultura. Fino al 7 gennaio 2018


img
Marino Marini


Con il titolo “Marino Marini. Passioni visive” la Fondazione Marino Marini propone, del Maestro, la prima retrospettiva che ambisce a situarlo organicamente nella storia della scultura. L’esposizione, in corso a Palazzo Fabroni fino al 7 gennaio, si traferirà poi alla Collezione Peggy Guggenheim di Venezia dal 27 gennaio al 1 maggio 2018. Dieci sono le sezioni pensate dai curatori per dare pieno conto della ricerca plastica di Marino Marini: sono tutte caratterizzate dal raffronto tra le opere dello scultore pistoiese e quelle di altri grandi del passato o di suoi contemporanei. Nella prima i suoi busti degli esordi sono affiancati a canopi etruschi e a busti rinascimentali. Verso la metà degli anni Trenta Marini si concentra sul soggetto del nudo maschile e ne trae una serie di lavori destinati a lasciare un segno nella scultura europea.



Negli stessi anni, Marini reinventa il significato stesso del ritratto scultoreo, attingendo ai modelli del passato, specialmente all’arte egizia. La mostra si sofferma quindi sui celebri e perturbanti primi grandi “Cavalieri” dei secondi anni Trenta, che al loro comparire furono giudicati, per l’arcaica impassibilità, un attentato ai canoni tradizionali del genere, ma furono apprezzati da una ristretta schiera di intelligenti e sofisticati ammiratori. La scena successiva è riservata alla stilizzazione allungata dei corpi maschili. Le “Pomone” e i nudi femminili, che lo scultore realizza partendo da una originale e misurata rielaborazione del classicismo post-rodiniano, si confrontano in mostra con i nudi di Ernesto De Fiori e di Aristide Maillol. Quando, verso il 1940, mentre quasi tutti gli altri scultori italiani ed europei sembrano voler abbandonare la lezione di Rodin, Marino Marini la rivisita per dare inizio a una nuova stagione di ricerca.

img
Marino Marini

Questa particolare declinazione della ricerca formale di Marini prende forma negli anni del conflitto, durante il suo esilio in Svizzera, quando lo scultore sembra guardare con particolare attenzione al drammatico realismo di Donatello. La ricerca postbellica riporta Marino Marini a indagare, in forme più astratte, il tema del cavallo e cavaliere: in una sala saranno raccolti gli esiti maggiori di questo ciclo. Nel dopoguerra Marini inventa una nuova lingua per la resa espressiva del volto umano: questa lingua, che guarda alla scomposizione cubista e, insieme, alla deformazione espressionista, farà di lui il più grande ritrattista-scultore del secolo.

•LA MOSTRA:  “Marino Marini. Passioni visive” - PISTOIA, Palazzo Fabroni - fino al 7 gennaio 2018 - INFO: 0573.371214 - www.fondazionemarinomarini.it

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
La straordinaria collezione di pettini da testa di una famiglia francese
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Arcimboldo. L’altro Rinascimento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il Genovesino. Natura e invenzione nella pittura del Seicento a Cremona
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Carlo Bononi. L’ultimo sognatore dell’Officina ferrarese
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Egitto. La straordinaria scoperta del Faraone Amenofi II
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Hokusai. Sulle orme del Maestro
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Kuniyoshi. Il visionario del mondo fluttuante
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Monet
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Secessione. Monaco Vienna Praga Roma. L’onda della modernità
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Toulouse Lautrec. Il mondo fuggevole
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Canova, Hayez, Cicognara. L’ultima gloria di Venezia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
I macchiaioli.Capolavori da collezioni lombarde
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Simbolismo mistico. Il Salon de la Rose+Croix a Parigi 1892–1897
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Giovanni Boldini. La stagione della Falconiera
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Chagall. Sogno di una notte d’estate
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Marino Marini. Passioni visive
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Alberto Manfredi. Dipinti 1953-2000. La Collezione Giacomo Riva
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Gianfranco Ferré. Sotto un’altra luce: Gioielli e Ornamenti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Nel segno di Manara. Antologica di Milo Manara
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sogno e avventura. 80 anni di principesse nell’animazione Disney da “Biancaneve e i Sette Nani
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sotheby’s. All’asta un Basquiat appartenuto a Yoko Ono
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Asta Sotheby’s. All’incanto la Ferrari di Schumacher
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Christie’s. La collezione di Audrey
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
ASTA - Atmosfere d’altri tempi nella dimora di Forattini
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Biennale Foto/Industria 2017
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Elliott Erwitt Personae
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Robert Doisneau. Pescatore d’immagini
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
"Un Milione di Giocattoli" Mostra Mercato del Giocattolo d'epoca e da collezione
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Apre il Louvre di Abu Dhabi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Triesteantiqua. Antiquariato di pregio al Salone degli incanti
Leggi tutto...