I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Colorato e abbondante, l’universo di Botero

L’esuberanza delle forme  Omaggio all’opera del grande artista di origini colombiane, dall’inconfondibile linguaggio pittorico. A Roma, Complesso del Vittoriano, fino al 27 agosto


img
PARTICOLARE DI:Fernando Botero - Picnic, 2001 - Olio su tela; 113x165 cm


Una dimensione onirica, fantastica e fiabesca dove si percepisce forte l’eco della nostalgia e di un mondo che non c’è più o in via di dissoluzione. Uomini, animali, vegetazione i cui tratti e colori brillanti riportano immediatamente alla memoria l’America Latina dove tutto è più vero del vero, dove non c’è posto per la sfumatura e che anzi favorisce l’esuberanza di forme e racconto. Questa è la cifra stilistica di Fernando Botero, origini colombiane, famoso e popolare in tutto il mondo per il suo inconfondibile linguaggio pittorico, immediatamente riconoscibile.



Alla sua arte, nel suo ottantacinquesimo genetliaco, si rende omaggio con un’esposizione che ripercorrerà attraverso una cinquantina dei suoi capolavori, molti dei quali in prestito da tutto il mondo, oltre 50 anni di carriera del Maestro dal 1958 al 2016. La mostra, che si presenta come la prima grande retrospettiva dell’opera di Botero in Italia, sarà ospitata a Roma al Complesso del Vittoriano – Ala Brasini fino al 27 agosto prossimo. «Credo molto nel volume, in questa sensualità che nella pittura suscita piacere allo sguardo. Un quadro è un ritmo di volumi colorati dove l’immagine assume il ruolo di pretesto».

img
PARTICOLARE DI: Fernando Botero - Natura morta con strumenti musicali, 2004
Olio su tela; 103x131 cm

Da questa dichiarazione del Maestro si capisce immediatamente che la sua arte rivela un universo più complesso di quanto può apparire a una prima e immediata visione delle sue opere che sono invece la risultanza di un delicato equilibrio tra maestria esecutiva e valori espressivi. Emblematiche della poetica boteriana sono le figure dalle forme abbondanti, soprattutto femminili, caratterizzate da un linguaggio ridondante e originale che accentua i volumi e la plasticità tridimensionale. Botero dilata le forme perché è un atto funzionale anche a far comprendere l’importanza del colore, steso in grandi campiture piatte e uniformi, senza contorni e ombreggiature. I protagonisti dei suoi dipinti sono sempre privi di stati d’animo riconoscibili, non provano né gioia, né dolore. Di fronte ai giocatori di carte, alla gente del circo, ai vescovi, ai matador, ai nudi femminili Botero non esprime alcun giudizio. Nei suoi dipinti scompare la dimensione morale e psicologica: il popolo, in tutta la sua varietà, semplicemente vive la propria quotidianità, assurgendo a protagonista di situazioni atipiche nella loro apparente ovvietà. Per Botero dipingere è una necessità interiore, ma anche un’esplorazione continua verso il quadro ideale che non si raggiunge mai.  La sua pittura non sta dentro un genere, pur esprimendosi attraverso la figurazione, ma inventa un genere proprio e autonomo attorno al quale il pittore colombiano ha sviluppato la propria poetica in oltre mezzo secolo di carriera.

img
PARTICOLARE DI: Fernando Botero - Il nunzio, 2004 - Olio su tela; 203x160 cm

•LA MOSTRA:  “Botero” - ROMA, Complesso del Vittoriano - Ala Brasini - fino  al 27 agosto - INFO:  06.8715111 - www.ilvittoriano.com/

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
La mia Africa. La collezione di Adolfo Bartolomucci
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo da Vinci. Anatomie: macchine, uomo, natura
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Piero della Francesca. La seduzione delle prospettiva
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tutta l’Umbria una mostra
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Capolavori a confronto. Bellini/Mantegna. Presentazione di Gesù al Tempio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il Nettuno: architetto delle acque. Bologna, l’acqua per la città tra Medioevo e Rinascimento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Savia non fui. Dante e Sapìa fra letteratura e arte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Viaggio in Italia. I paesaggi dell’ottocento dai Macchiaioli a Simbolisti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
1948: la Biennale di Peggy Guggenheim
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
John Ruskin. Le Pietre di Venezia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Cows by the water. Albert Oehlen
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Una collezione italiana. Opere dalla Collezione Merlini
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
México. La pittura dei grandi muralisti e gli scatti di vita di Diego Rivera e Frida Kahlo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Cinema! Storie, protagonisti, paesaggi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Gli anni della Lira. Duecento anni di storia e di costume
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sovrane eleganze. Residenze Sabaude tra arte e moda
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Dreamers. 1968: come eravamo, come saremo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Man Ray. Wonderful visions
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Albert Watson Fashion, Portrait & Landscape
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
W. Eugene Smith. Pittsburgh. Ritratto di una città industriale
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Fondazione Prada. Inaugurata la Torre di Koolhaas
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Fo.To - Fotografi a Torino
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Un portale per i collezionisti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La Villa dei Mosaici di Spello
Leggi tutto...