I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Il racconto del Mediterraneo

POMPEI E I GRECI Il fascino di un racconto storico multicentrico, composto da identità multiple e contraddittorie e da linguaggi stratificati. Agli Scavi di Pompei, Palestra Grande, dal 14 aprile al 27 novembre 2017


img
PARTICOLARE DI: Capitello in tufo con coppia di coniugi dalla Casa dei Capitelli Figurati - Metà III - metà I sec. a.C. - 50x81x82 - Pompei, Granai del Foro I © Luigi Spina


Sono oltre 600 i reperti tra ceramiche, ornamenti, armi, elementi architettonici, sculture provenienti da Pompei, Stabiae, Sorrento, Cuma, Capua, Poseidonia, Metaponto, Torre di Satriano e ancora iscrizioni nelle diverse lingue parlate - greco, etrusco, paleoitalico -, argenti e sculture greche riprodotte in età romana, esposti nella mostra in programma alla Palestra Grande degli Scavi di Pompei, dal 14 aprile al 27 novembre prossimo.



Pompei e i Greci racconta le storie di un incontro: partendo da una città italica, Pompei, se ne esaminano i frequenti contatti con il Mediterraneo greco. Seguendo artigiani, architetti, stili decorativi, soffermandosi su preziosi oggetti importati ma anche su iscrizioni in greco graffiate sui muri della città, si mettono a fuoco le tante anime diverse di una città antica, le sue identità temporanee e instabili. 
La mostra nasce da un progetto scientifico e da ricerche in corso che per la prima volta mettono in luce tratti sconosciuti di Pompei; gli oggetti, provenienti  dai principali musei nazionali e europei, divisi in 13 sezioni tematiche, rileggono con le loro ‘biografie’ luoghi e monumenti della città vesuviana da sempre sotto gli occhi di tutti. 
Vengono così riscostruite le presenze greche prima di Pompei, le forme della città arcaica, i cambiamenti imposti nel golfo dopo la fondazione di Neapolis - di cui si espongono materiali inediti dai fondali del porto - fino al mondo ellenistico e alla grecità pensata e segmentata del mondo romano.

img
PARTICOLARE DI: Sima con protome leonina dal Tempio Dorico - Tardo VI sec. a.C. - 42x62,3x3,2 - Pompei, Antiquarium © Luigi Spina

Con l’occasione della mostra ritornano in Italia documenti e monumenti emigrati all’estero seguendo le vie del commercio antiquario e si espongono gli elmi donati a Olimpia dal tiranno di Siracusa Ierone per celebrare la vittoria dei cumani sugli etruschi, combattuta nelle acque del golfo di Napoli. Sarà possibile riscoprire, nei frammenti di un monumentale cratere proveniente da Altamura, in Puglia, il racconto della battaglia di Alessandro Magno contro Dario, nelle stesse forme e nello stesso schema che troveremo quasi due secoli dopo nel ‘Gran Mosaico’ proveniente dalla Casa del Fauno. A partire da due scarichi, due immondezzai, uno rinvenuto nella agorà di Atene, la grande piazza del principale centro della grecità, e uno presso i portici del foro di Pompei, si osserveranno le tante similitudini tra oggetti e strumenti che denunciano forme del vivere simili nei due centri nell’avanzato II secolo a.C. E ci si meraviglierà nello scoprire la passione che gli stessi antichi nutrivano per gli oggetti greci provenienti dal passato. Originale e copia perderanno i loro confini in un mondo che riadopera immagini e le inserisce, come fossero parole, in nuovi universi. Pompei e i Greci illustra al grande pubblico il fascino di un racconto storico non lineare, multicentrico, composto da identità multiple e contraddittorie, da linguaggi stratificati, coscientemente riutilizzati: il racconto del Mediterraneo. Una narrazione che suggerisce non da ultimo, un confronto e una riflessione con il nostro contemporaneo con il suo dinamismo fatto di migrazioni e conflitti, incontri e scontri di culture.

•LA MOSTRA: “Pompei e i Greci” - POMPEI, Scavi di Pompei, Palestra Grande - dal 12 aprile al 27 novembre - INFO: tel. 081.8575259 - www.pompeiisites.org

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
La collezione di Giorgio Cavatorti di antiche canne da pesca, mulinelli d’epoca e mosche artificiali
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Labirinti del cuore. Giorgione e le stagioni del sentimento tra Venezia e Roma
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Magister Giotto
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Luca Pacioli. Tra Piero della Francesca e Leonardo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
I capolavori dell’Accademia Nazionale di San Luca. Da Raffaello a Balla
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Piranesi. La fabbrica dell’utopia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Amori divini
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Uomo in mare. De Chirico, Licini, De Pisis, Warhol e i grandi maestri dell’Arte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Un’eterna bellezza. Il canone classico nell’arte italiana del primo Novecento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il secolo breve. Tessere di ‘900
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Klimt Experience
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Gio’ Pomodoro. L’opera scolpita e il suo disegno
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ytalia. Energia Pensiero Bellezza. Tutto è connesso
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Bestiale! Animal Film Stars
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Lo Chat Noir e i Teatri d’Ombre a Parigi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Disegnare sogni: il cinema di Silvano Campeggi (1946-1969)
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La forza delle immagini. Collezione MAST: Una selezione iconica di fotografie su industria e lavoro
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il Liberty e la Rivoluzione Europea delle Arti. Dal Museo delle Arti Decorative di Praga
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ai Musei Reali di Torino. Quattro mostre dedicate ad altrettante collezioni
Leggi tutto...