I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Passatempi del passato

A Verona il 18 ottobre torna la Borsa Scambio Giocattoli d’Epoca e Automodelli


img

I ragazzi d’oggi faticheranno a crederci, ma anche i loro genitori e nonni giocavano con veri e propri balocchi: trenini, bambole, soldatini e tante automobiline. Per convincerli che ci fu quel mondo, basta portarli ad una mostra-mercato. Quella più longeva -la prima edizione risale al 1980-  è la Borsa Scambio Giocattoli d’Epoca e Automodelli di Verona che tornerà in scena alla Fiera di Verona domenica 18 ottobre 2015, dalle 10 alle 16, a ingresso gratuito. Verona è nel Veneto. E veneta era la Ingap, acronimo di Industria nazionale giocattoli automatici Padova, la casa di giocattoli forse più famosa del secolo scorso. Fabbricava carrettini, cucine, automobili di ogni tipo con gli autisti col berrettino. I motociclisti erano dipinti, col fazzoletto annodato al collo, il pullover a righe sui pantaloni alla zuava. Oltre a Ingap c’erano la Alemanni, la Marchesini, la Ventura, la Sommavilla, la Mercury, la Cardini (“I bambini intelligenti desiderano i giocattoli Cardini” diceva la sua pubblicità) fino alla Ferrari di Casalpusterlengo che faceva le Jeep degli alleati con gli avanzi degli scatole, proprio come fanno oggi in Africa. Perché eravamo poco più che poveracci, anche se molti fanno finta di non saperlo. Ma il tempo del gioco era sacro. E se oggi i bimbi giocano con cellulare e ipad, un tempo non era così. C’erano i giochi d’inverno e quelli d’estate. Nei mesi più freddi il cavallo a dondolo, le auto o i soldatini, l’estate, sulla sabbia, si giocava con il secchiello e le palette. Un mondo colorato che ripropone la creatività italiana come vero e proprio fenomeno di costume, dalla realtà rurale di inizio secolo fino agli albori del boom economico del secondo dopoguerra. Ecco allora i giochi per bambine, con cui costruire la loro identità sociale e culturale, fatti di bambole, dalle più raffinate Lenci alle più evocative Furga. Ed ecco i giochi per bambini, fatti di “militareschi” cavalli a dondolo e scenari guerreschi con soldatini e mezzi di trasporto in latta. I giochi per apprendere i possibili ruoli nella società: dal piccolo trattore in legno alla stazione dei pompieri. Tutto questo sarà possibile vedere alla Borsa scambio di Verona


img



•LA MOSTRA-MERCATO: “61ª Borsa Scambio di Automodelli e Giocattoli d’epoca” - VERONA, Fiera di Verona - 18 ottobre - INFO:  Tel. 045.8032929 (sera), 335.7726826


 
 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Un francobollo, unico nel suo genere, all'asta da Catawiki
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pandolfini - Capolavori da collezioni italiane
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La mostra su Bernardino Ramazzini è visitabile online
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
WHAT’S ON alla Fondazione Merz 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
CAMBI CASA D’ASTE Confermate le prossime aste
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
PECCI ON Il Centro per l’arte contemporanea di Prato resta acceso 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Uffizi On Air
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Van Gogh. I colori della vita sul web
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Artissima Internazionale d'Arte Contemporanea
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
RACCOLTA LERCARO Aroldo Bonzagni e il suo tempo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
MUSEO AMEDEO LIA Aggiornamenti sui canali social
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
CORONAVIRUS Annullata l’edizione 2021 di Arte Fiera
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Novità sulle aste in programma
Leggi tutto...