I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Quando Firenze era capitale della ricerca
Esposizioni speciali nei 3 maggiori musei scientifici e una mostra a Palazzo Medici Riccardi rievocano clima, protagonisti e innovazioni nella Toscana felix della prima metà dell'800

img
Parigi 1801, Alessandro Volta presenta la pila a Napoleone, a l'epoca Primo Console

Firenze Scienza è il titolo unificante di una spettacolare rassegna di carattere scientifico articolata in quattro diverse esposizioni.
Una (pitture, sculture, ecc.) sarà allestita a Palazzo Medici Riccardi. Tre in altrettante celebri istituzioni del centro storico, dove si custodiscono le collezioni scientifiche più ricche e importanti d'Europa: Museo di Storia della Scienza - futuro Museo Galileo, Museo di Storia Naturale La Specola, Gabinetto di Fisica della Fondazione di Scienza e Tecnica..
Il percorso espositivo (la mostra di Palazzo Medici Riccardi si apre il 1 novembre, i musei l'8 novembre) presenta migliaia di oggetti, strumenti, reperti, oltre a dipinti, disegni, sculture di particolare valore e rarità. Lo scopo è di rievocare la straordinaria stagione pre-unitaria in cui Firenze fu la capitale intellettuale d'Italia e uno dei centri europei del sapere scientifico, la città dove videro la luce, tra gli altri, il primo telegrafo, la prima telescrivente, i primi esperimenti sul telefono, perfino il primo motore a scoppio.
Negli anni successivi alla prima rivoluzione industriale e all'epopea napoleonica, ovvero nella prima metà dell'Ottocento, lo sviluppo tecnologico e l'interesse per la scienza influenzarono in profondità la società italiana ed europea, con progressi senza precedenti in ogni campo della scienza, dalla matematica alla fisica, dalla chimica alla biologia.
Alimentata dalla sensibilità illuminista per la scienza utile, la tradizione galileiana divenne strumento di progresso senza avventure (sociale, economico, culturale) e fu coltivata con particolare lungimiranza, ma anche con avveduta prudenza, dai Lorena granduchi di Toscana e dalle classi dirigenti.
Grazie a Ferdinando III e Leopoldo II, nella Toscana felix di quegli anni si affermarono personalità come Vincenzo Antinori e vi si stabilirono astronomi di fama come Jean Louis Pons e Giovan Battista Amici, fisici come Leopoldo Nobili, botanici come Filippo Parlatore.
In Toscana si svolsero anche i primi Congressi degli scienziati Italiani che fornirono, tra l'altro, importanti contributi alla causa risorgimentale. A Firenze, dove nel 1841 fu realizzata alla Specola la Tribuna di Galileo, si svilupparono l'Accademia dei Georgofili e l'Osservatorio Ximeniano (fondati nel 1753), nacquero il Gabinetto Vieusseux (1820) e l'Istituto Tecnico Toscano (1850). Il 1848 vide invece l'inaugurazione della ferrovia Firenze - Livorno con la stazione Leopolda e della Firenze-Prato-Pistoia con la stazione dedicata alla granduchessa Maria Antonia.
Ciascuna con le proprie competenze, le quattro mostre di Firenze Scienza propongono un viaggio affascinante in questo passato prossimo ricco di scoperte e di promesse, focalizzato in particolare sui tre decenni che intercorrono tra la fondazione della banca e il 1859, anno in cui i Lorena abbandonarono la Toscana.


LE MOSTRE: “Firenze 1829. Arte, scienza e società” a  Palazzo Medici Riccardi - "La Tribuna di Galileo e la Specola fiorentina" al Museo di Storia Naturale La Specola - "La Fisica a Firenze nell’800" al Museo di Storia della Scienza (Museo Galileo) - "La didattica delle scienze nell’Ottocento" alla Fondazione Scienza e Tecnica  (Gabinetto di Fisica) - dal 1° novembre al 9 maggio - INFO: Tel. 055.243140
 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
L’Italia prima dei cellulari - La moneta telefonica dal 1880 ad oggi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Taddeo Di Bartolo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Raffaello
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ulisse l’Arte e il Mito
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sfida al Barocco. Roma Torino Parigi 1680 - 1750
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Michelangelo e i Medici attraverso le carte dell’archivio Buonarroti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’atelier di Leonardo e il Salvator Mundi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Migrating Objects: arte dall’Africa,dall’Oceania e dalle Americhe nella Collezione Peggy Guggenheim
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Carlo Fornara e il Divisionismo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Storie del Novecento in Toscana
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Jim Dine
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La collezione Farina. Arte e Avanguardia a Ferrara 1963-1993
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tomás Saraceno. Aria
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Giannetto Cimurri: il masseur e le bici dei suoi campioni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mode nel mondo: i vestiti raccontano la vita dei popoli
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Alberto Sordi 1920 – 2020
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Jacques Henri Lartigue
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Helmut Newton. Works
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Uniform into the work/out of the work. La divisa da lavoro nelle immagini di 44 fotografi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Finarte. Il 2019 si chiude con una crescita del +40%
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ponte casa d’Aste. Un anno da record per l’arte moderna e contemporanea
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo filatelista a Torino
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Rinviato il Mercanteinfiera
Leggi tutto...